Sanremo 2019 da record, Ligabue conquista l’Ariston

Sanremo da record nella quarta serata della 69esima edizione della manifestazione canora: sul palco dell’Ariston si esibiscono ben 56 artisti, “un numero mai visto qui”, fa notare Claudio Baglioni.

E’ la serata della star più attesa, Luciano Ligabue, che torna a Sanremo dopo il suo debutto nel 2014 (con tanto di chitarra gigante). Prima canta il suo ultimo singolo “Luci d’America”, poi il suo classico pezzo “Urlando contro il cielo”. Quindi duetta con Claudio Baglioni su “Dio è morto”, un omaggio a Francesco Guccini.

La quarta serata è anche quella dei 24 duetti: si esibiscono Fabrizio Moro con Ultimo; Ermal Meta con Simone Cristicchi; Brunori Sas con The Zen Circus; Manuel Agnelli con Daniele Silvestri; Beppe Fiorello con Paola Turci; Neri Marcorè con Nek; Paolo Jannacci e Massimo Ottoni con Enrico Nigiotti; Rocco Hunt e i Musici Cantori di Milano con Boomdabash; Gué Pequeno con Mahmood; Irene Grandi con Loredana Bertè; Syria con Anna Tatangelo; Bungaro ed Eleonora Abbagnato con Francesco Renga; Enrico Ruggeri e Roy Paci con Negrita; Nada con Motta; Tony Hadley e le coreografie dei Kataklò con Arisa; Noemi con Irama; Giovanni Caccamo con Patty Bravo e Briga; Jack Savoretti con Ex-Otago; Morgan con Achille Lauro; Cristina D’Avena con Federica Carta e Shade; Sottotono con Nino D’Angelo e Livio Cori; Diodato e Calibro 35 con Ghemon; Biondo con Einar; Il violinista Alessandro Quarta con Il Volo.

Motta e Nada si aggiudicano il premio di miglior duetto con il brano “Dov’è l’Italia”.

Potrebbero interessarti anche...