Sanremo, Fiorello (con invasore) si prende la prima serata

Fiorello ha dominato la prima serata del Festival di Sanremo. Dopo la clamorosa invasione di un uomo che è riuscito ad eludere la security, a salire sul palco e a chiedere di parlare con il Procuratore della Repubblica, l’artista si è ripreso disinvoltamente e ha fatto da apripista a Baglioni scaldando il pubblico con battute a raffica, da Erdogan al “toy boy di Orietta berti”, dal “canone che pagano tutti perché sta in bolletta, e se staccano la corrente non si vedono Netflix e Sky” al medley tributo ai “Capitani coraggiosi” Baglioni-Morandi.

 

Lo showman di Catania si è ripreso la scena anche poco dopo, con altre battute e un bel duetto con il presentatore Claudio Baglioni. Il cantautore romano è inizialmente un po’ ingessato, quasi quasi una spalla di Fiorello, poi è riuscito a sciogliersi durante la serata. Elegante e spigliata Michelle Hunziker, che ha scelto un abito lungo nero con una profonda scollatura di Armani Privè. Sull’abito di velluto anche paillettes sulle maniche. Favino ha preso il pallino più tardi, dopo l’exploit di Fiorello, ha finto di litigare con Michelle e ha divertito con un medley tra poesie e musica.

 

Tra le canzoni, intense performance di Ron e Ornella Vanoni, divertente l’esibizione degli Stato Sociale e di Elio e le Storie Tese. Poco prima della chiusura dello show la classifica della giuria demoscopica. La classifica è divisa in “fasce”: alta, centrale e bassa. Nella fascia blu, quella più alta, rientrano Nina Zilli, Stato Sociale, Noemi, Annalisa, Max Gazzé, Ron, Ermal Meta e Fabrizio Moro. La fascia gialla, quella centrale, comprende Luca Barbarossa, Mario Biondi, The Kolors, Elio e le Storie Tese, Giovanni Caccamo, Vanoni – Bungaro – Pacifico. Infine nella fascia rossa, la più bassa, i Decibel, Diodato e Roy Paci, Renzo Rubino, Enzo Avitabile e Peppe Servillo, Red Canzian, Le Vibrazioni, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli.

Potrebbero interessarti anche...